INFORMATIVA

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione - senza modificare le impostazioni del browser - accetti di ricevere i cookie. Se non desideri ricevere i cookie, modifica le impostazioni del tuo browser, ma sappi che alcuni servizi non funzioneranno correttamente. Per saperne di piu'

OK

Cookie

Informativa e acquisizione del consenso per l'uso dei cookie sul portale web http://osservaprezzi.mise.gov.it ai sensi del Provvedimento n. 229 dell'8 maggio 2014 del Garante per la protezione dei dati personali.

 

Cosa sono i cookie?

 

Di seguito la definizione contenuta nel punto 1 della premessa al Provvedimento del Garante di cui sopra:

 

Considerazioni preliminari.I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall'utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente.

Nel corso della navigazione su un sito, l'utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.

Cookie tecnici. I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice).

 

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Per l'installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l'obbligo di dare l'informativa ai sensi dell'art. 13 del Codice, che il gestore del sito potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

 

I cookie servono a migliorare i servizi che ti offriamo, ad esempio:

consentono a un servizio di riconoscere il tuo dispositivo, per evitarti di inserire più volte le stesse informazioni nel corso di un'attività

calcolano quanti utenti stanno usando i servizi, in modo da agevolarne l'utilizzo e assicurare la capacità necessaria a una navigazione veloce.

 

Se non ci autorizzi a usare i cookie, determinate funzioni e pagine non possono funzionare come previsto.

Se desideri eliminare i file cookie eventualmente già presenti sul tuo computer, leggi le istruzioni del tuo browser cliccando sulla voce “Aiuto” del relativo menu.

Feed XML

FEED XML

 

Cosa è

Il Portale dell'Osservatorio Prezzi e Tariffe offre agli utenti un servizio di aggiornamento sui contenuti principali, utilizzando il formato RSS (Really Simple Syndication).
È sufficiente avere un collegamento a Internet e un programma -denominato aggregatore o RSS reader- per essere prontamente informati delle novità presenti sul Portale.


Come funziona

Dopo aver scaricato e installato un qualsiasi aggregatore, è sufficiente sottoscrivere il feed a cui si è interessati, semplicemente copiando l'indirizzo dall'iconcina RSS e aggiungendolo all'elenco dei feed dell'aggregatore.
Le iconcine RSS vengono poste sulle pagine di cui è disponibile l'aggiornamento tramite feed; l'elenco dei feed disponibili è riportato anche in questa pagina.


Alcuni aggregatori

Esistono molti aggregatori, gratuiti o a pagamento. Ne elenchiamo solo alcuni:

FeedReader

Gratuito, per sistemi operativi Windows

SharpReader

Gratuito, per sistemi operativi Windows

Straw

Gratuito, per sistemi operativi Linux

NetNewsWire Lite

Gratuito, per Mac OS X

 

I feed disponibili

Livelli dei prezzi

Approfondimenti

Banche dati dell'Osservatorio Prezzi

Novità riguardanti il Portale

Condizioni d'uso

I feed RSS del Portale dell'Osservatorio Prezzi e Tariffe possono essere utilizzati per la sola visualizzazione tramite aggregatore, ai fini dell'aggiornamento personale. Ogni altro impiego, come la pubblicazione su siti web, non è consentito senza espressa autorizzazione.

Torna su

Disclaimer

DISCLAIMER

Le informazioni riportate sul portale dell'OSSERVATORIO PREZZI & TARIFFE sono:

  • di carattere generale;
  • le informazioni potrebbero essere suscettibili di integrazione e/o aggiornamento;
  • in alcuni casi collegate a link esterni: tali link hanno solo scopo informativo e l'OSSERVATORIO PREZZI & TARIFFE non si assume responsabilità su informazioni e contenuti presenti in siti collegati da e verso il portale.

 

Non è garantito che un documento disponibile online riproduca un testo ufficialmente adottato.

L'obiettivo dell'OSSERVATORIO PREZZI & TARIFFE è di ridurre al minimo problemi causati da errori tecnici. Alcuni dati o informazioni sono comunque creati o strutturati in file o formati non esenti da errori e non possiamo quindi garantire che il nostro servizio non venga interrotto o influenzato da tali problemi.

Copyright Notice

La riproduzione è autorizzata purché venga citata la fonte.

Privacy Policy 

La navigazione attraverso il portale OSSERVATORIO PREZZI & TARIFFE non comporta l'obbligo di fornire informazioni personali.

Per alcuni servizi interattivi tali dati risultano però necessari. In questi casi, le informazioni saranno trattate ai sensi della normativa vigente sulla tutela dei dati personali. È in ogni caso fatto diritto dell'interessato richiedere la rettifica o la cancellazione scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

 Torna su



FAQ Consumo EUROSTAT

DOMANDE SUGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO EUROSTAT

  1. Eurostat, l'ufficio di statistica dell'Unione europea, diffonde indici diversi da quelli dell'Istat?
  2. Cosa è l'indice HICCP o indice armonizzato dei prezzi al consumo?

 

1. Eurostat, l'ufficio di statistica dell'Unione europea, diffonde indici diversi da quelli dell'Istat?
Non si tratta di dati diversi. Infatti l'indice IPCA viene calcolato e pubblicato dall'Istat che lo invia ad Eurostat mensilmente, secondo un calendario prefissato. Eurostat, dopo qualche giorno diffonde il dato che gli ha inviato l'Istat ed elabora e diffonde l'indice sintetico europeo, calcolato sulla base degli indici armonizzati dei singoli paesi.

 Torna su

2. Cosa è l'indice HICCP o indice armonizzato dei prezzi al consumo?
È riferito alla stessa popolazione dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività ma è calcolato rispetto ad un paniere di prodotti e ad una struttura di ponderazione armonizzati nei diversi Paesi per poter assicurare la migliore comparabilità internazionale.

 Torna su



FAQ Produzione ISTAT

DOMANDE SUGLI INDICI DEI PREZZI ALLA PRODUZIONE ISTAT

  1. Quanti indici dei prezzi alla produzione vengono calcolati?

 

1. Quanti indici dei prezzi alla produzione vengono calcolati?
Indici relativi alla fase della produzione, che misurano l'andamento dei prezzi dei prodotti nel primo stadio della loro commercializzazione sul mercato interno. Gli indici di questo gruppo riguardano solo i beni e si dividono in: 
- indici dei prezzi della produzione agricola, a loro volta distinti in indici dei prodotti e dei servizi acquistati dagli agricoltori ed indici dei prezzi alla produzione dei prodotti venduti dagli agricoltori;
- indici dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali;
- indici del costo di costruzione di alcuni manufatti dell'edilizia (fabbricato residenziale, capannone industriale e tronco stradale).

 Torna su



FAQ Consumo ISTAT

DOMANDE SUGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO ISTAT

  1. Quanti indici dei prezzi al consumo vengono calcolati e quali sono le principali differenze?
  2. Quali prezzi sono rilevati per costruire l'indice dei prezzi al consumo?
  3. Come vengono selezionati i beni e servizi che fanno parte del paniere?
  4. Il paniere è sempre lo stesso?
  5. Dove vengono rilevati i prezzi?
  6. Come avviene la raccolta dei dati?
  7. Con quale frequenza vengono monitorati i prezzi?
  8. Cosa succede una volta rilevati i singoli prezzi?
  9. Cosa si intende per "beni alimentari", "beni alimentari lavorati" e "beni alimentari non lavorati"?
  10. Cosa si intende per "beni energetici", "beni energetici regolamentati" e "altri energetici"?
  11. Cosa si intende per "altri beni"?
  12. Cosa si intende per "beni durevoli", "beni semidurevoli" e "beni non durevoli"?
  13. Cosa si intende per "beni di largo consumo"?
  14. Cosa si intende per "servizi regolamentati", "servizi a regolamentazione locale" e "servizi a regolamentazione nazionale"?
  15. Cosa si intende per "componente di fondo"?

 

1. Quanti indici dei prezzi al consumo vengono calcolati e quali sono le principali differenze?
L'Istat produce tre diversi indici dei prezzi al consumo:
1) l'Indice Nazionale dei prezzi al consumo per l'Intera Collettività (NIC); 
2) l'Indice dei prezzi al consumo per le Famiglie di Operai e Impiegati (FOI); 
3) l'Indice dei Prezzi al Consumo Armonizzato per i paesi dell'Unione Europea (IPCA).

I tre indici hanno finalità differenti.
- Il NIC è utilizzato come misura dell'inflazione a livello dell'intero sistema economico, in altre parole considera l'Italia come se fosse un'unica grande famiglia di consumatori, all'interno della quale le abitudini di spesa sono ovviamente molto differenziate. 
- Il FOI si riferisce ai consumi dell'insieme delle famiglie che fanno capo a un lavoratore dipendente (extragricolo). È l'indice usato per adeguare periodicamente i valori monetari, ad esempio gli affitti o gli assegni dovuti al coniuge separato.
- L'IPCA è stato sviluppato per assicurare una misura dell'inflazione comparabile a livello europeo.

I tre indici hanno in comune i seguenti elementi:
- la rilevazione dei prezzi;
- la metodologia di calcolo;
- la base territoriale;
- la classificazione del paniere dei prodotti.

I tre indici differiscono per i seguenti elementi:
NIC e FOI si basano sullo stesso paniere e si riferiscono ai consumi finali individuali Indipendentemente se la spesa sia a totale carico delle famiglie o, in misura parziale o totale, della Pubblica Amministrazione o delle istituzioni non aventi fini di lucro (ISP).
L'IPCA ha in comune con il NIC la popolazione di riferimento, ma si differenzia dagli altri due indici poiché si riferisce alla spesa monetaria per consumi finali sostenuta esclusivamente dalle famiglie.

Un'ulteriore differenziazione fra i tre indici riguarda, di conseguenza, il concetto di prezzo considerato:
Il NIC e il FOI considerano sempre il prezzo pieno di vendita.
L'IPCA si riferisce invece al prezzo effettivamente pagato dal consumatore. l'IPCA tiene conto anche delle riduzioni temporanee di prezzo (saldi, sconti e promozioni).

 Torna su

2. Quali prezzi sono rilevati per costruire l'indice dei prezzi al consumo?
I prezzi rilevati per il 2004 sono quelli riferiti a 1031 fra beni e servizi, rappresentativi dei consumi delle famiglie italiane.
Si tratta del cosiddetto paniere, articolato in 12 capitoli di spesa, ognuno con un proprio peso:
- prodotti alimentari e bevande analcoliche;
- bevande alcoliche e tabacchi;
- abbigliamento e calzature;
- abitazione, acqua, elettricità e combustibili;
- mobili, articoli e servizi per la casa;
- servizi sanitari e spese per la salute;
- trasporti;
- comunicazioni;
- ricreazione, spettacoli e cultura;
- istruzione;
- alberghi, ristoranti e pubblici esercizi;
- altri beni e servizi.
All'interno dei capitoli, ogni bene e servizio partecipa all'indice con un peso pari all'importanza sul totale dei consumi. Ad esempio, la carne bovina fresca pesa nel paniere per l'1,7%, mentre quella suina soltanto per lo 0,3%.

 Torna su

3. Come vengono selezionati i beni e servizi che fanno parte del paniere?
I prodotti del paniere e il peso loro attribuito sono definiti sulla base della spesa effettiva delle famiglie, in modo da rappresentare la struttura dei consumi della popolazione. La fonte principale è l'indagine Istat sui consumi che coinvolge circa 28mila famiglie italiane. Sono però utilizzate anche altre fonti, interne (stime di contabilità nazionale, indagini su commercio estero e produzione industriale) ed esterne all'Istat (dati ACNielsen, Banca d'Italia), per assicurare un'accurata copertura informativa.

 Torna su

4. Il paniere è sempre lo stesso?
No, il paniere viene aggiornato ogni anno per rappresentare gli effettivi comportamenti di spesa delle famiglie e tener conto dei mutamenti che intervengono. Per questo motivo ogni anno possono cambiare sia i beni e i servizi compresi nel paniere sia il loro peso. Ad esempio, nel 2004 sono stati introdotti nel paniere la macchina fotografica digitale, l'antenna satellitare e il decoder, mentre è stato eliminato il videoregistratore, in conseguenza di un cambiamento rilevato nei comportamenti di acquisto delle famiglie. Analogamente, rispetto all'anno precedente nel paniere 2004 aumenta il peso delle consumazioni al bar (sia caffè e bevande sia gelati) e diminuisce quello dei concorsi pronostici.

 Torna su

5. Dove vengono rilevati i prezzi?
Da gennaio 2004 la rilevazione avviene in 19 capoluoghi di regione e 67 capoluoghi di provincia, e la rete è in continua espansione. I prezzi vengono rilevati in un totale di 33mila punti vendita (che comprendono sia piccoli esercizi commerciali sia grande distribuzione sia mercati rionali) ai quali si aggiungono circa 11mila abitazioni per la parte che riguarda gli affitti. Nel complesso, sono 334mila le quotazioni rilevate ogni mese. I punti vendita selezionati vengono aggiornati annualmente dai comuni sulla base dei cambiamenti intervenuti nelle abitudini dei consumatori e nella struttura urbanistica del territorio.

 Torna su

6. Come avviene la raccolta dei dati?
I dati sono raccolti attraverso due rilevazioni: una a livello territoriale effettuala dai comuni (che ha un peso sull'indice pari al 78,7%) e una centralizzata effettuata dall'Istat (peso pari al 21,3%). Entro il giorno 15 del mese considerato, i rilevatori degli uffici di statistica degli 86 comuni coinvolti provvedono a rilevare i prezzi elementari della maggior parte dei prodotti inclusi nel paniere, secondo le procedure definite dall'Istat. All'inizio di ogni anno, infatti, l'Istat invia agli uffici comunali di statistica un elenco di prodotti da rilevare mensilmente in cui ogni bene e servizio è corredato da una serie di informazioni che lo specificano (ad esempio: il peso, la confezione ecc) così che si possa individuare i prodotti in modo omogeneo in tutta Italia. È cura del rilevatore individuare per ciascun prodotto, all'interno di ogni punto di rilevazione, il più venduto fra quelli che hanno le caratteristiche definite dall'Istat. Quello stesso prodotto, mese dopo mese, viene monitorato per un anno intero. Per quei prodotti che hanno prezzi uguali su tutto il territorio nazionale (tabacchi, periodici, medicinali, alcune tariffe), per quelli soggetti a continui cambiamenti tecnologici (computer, telefoni cellulari ecc.) e per i servizi il cui godimento non riguarda soltanto la popolazione del comune interessato (camping, stabilimenti balneari ecc) la raccolta dei prezzi viene effettuata direttamente dall'Istat.

 Torna su

7. Con quale frequenza vengono monitorati i prezzi?
I prezzi della maggior parte dei prodotti vengono rilevati una volta al mese. Quelli ad alta variabilità -come gli alimentari freschi e i carburanti- vengono monitorati due volte nel mese. La rilevazione, invece, è trimestrale per quei prodotti che presentano variabilità di prezzo più contenuta: gli affitti delle case, molti beni durevoli (mobili ed elettrodomestici) e alcuni servizi.

 Torna su

8. Cosa succede una volta rilevati i singoli prezzi?
Gli 86 comuni coinvolti inviano all'Istat le quotazioni rilevate. L'Istat elabora un indice elementare per ogni singolo prodotto. Per aggregazioni successive, attraverso medie ponderate, che riguardano sia i prodotti sia il territorio, si arriva all'indice generale. Occorre ricordare che le regioni partecipano alla costruzione dell'indice con pesi diversi, sulla base dell'ampiezza demografica. Ad esempio, la Lombardia pesa per il 18,1%, il Lazio per il 9,7% e la Valle D'Aosta per lo 0,3%.

 Torna su

9. Cosa si intende per "beni alimentari", "beni alimentari lavorati" e "beni alimentari non lavorati"?
I beni alimentari comprendono i generi alimentari (come ad esempio il pane, la carne, il pesce, i formaggi), le bevande analcoliche e le bevande alcoliche.
I beni alimentari lavorati raggruppano quei prodotti destinati al consumo finale che sono il risultato di un processo di trasformazione industriale (come i succhi di frutta, gli insaccati, i prodotti surgelati);
I beni alimentari non lavorati comprendono invece i prodotti non trasformati (carne fresca, pesce fresco, frutta e verdura fresca).

 Torna su

10. Cosa si intende per "beni energetici", "beni energetici regolamentati" e "altri energetici"?
Sono considerati beni energetici tutti i tipi di gas, i carburanti e l'energia elettrica.
I beni energetici regolamentati includono le tariffe per l'energia elettrica, il gas per usi domestici, il gas da riscaldamento.
Gli altri energetici includono i carburanti per gli autoveicoli e il gas in bombole.

 Torna su

11. Cosa si intende per "altri beni"?
Gli altri beni comprendono vari prodotti di consumo ad esclusione dei beni alimentari, dei beni energetici e dei tabacchi e si suddividono in "durevoli", "semidurevoli" e "non durevoli".

 Torna su

12. Cosa si intende per "beni durevoli", "beni semidurevoli" e "beni non durevoli"?
I beni durevoli includono, tra le altre cose, le autovetture, gli articoli di arredamento, gli elettrodomestici.
Sono considerati tra i beni semidurevoli i capi di abbigliamento, le calzature, i libri.
I beni non durevoli comprendono i detergenti per la pulizia della casa, i prodotti per la cura della persona, i medicinali.

 Torna su

13. Cosa si intende per "beni di largo consumo"?
I beni di largo consumo includono i beni alimentari, i prodotti per la pulizia della casa e i prodotti per la cura della persona.

 Torna su

14. Cosa si intende per "servizi regolamentati", "servizi a regolamentazione locale" e "servizi a regolamentazione nazionale"?
I servizi regolamentati sono tutti i servizi la cui tariffa è regolata da una qualsivoglia autorità e non deriva dal libero scambio di mercato.
Sono suddivisi in servizi a regolamentazione locale e nazionale.
I servizi a regolamentazione locale comprendono i certificati anagrafici, la tariffa per i rifiuti solidi, l'istruzione secondaria, la retta scuola elementare, i trasporti urbani multimodali (biglietti e abbonamenti), i taxi, le autolinee extraurbane, la navigazione interna (lacuale, lagunare).
I servizi a regolamentazione nazionale comprendono i musei, i concorsi pronostici, i pedaggi autostradali, l'istruzione universitaria, i trasporti ferroviari, il trasporto auto su treno, la spedizione bagagli su treno, la navigazione marittima, il trasporto marittimo di auto, il canone tv colore, i servizi di telefonia fissa, i servizi di telefonia pubblica, i servizi postali.

 Torna su

15. Cosa si intende per "componente di fondo"?
La componente di fondo dell'indice dei prezzi al consumo viene calcolata escludendo i beni alimentari non lavorati e i beni energetici.

 Torna su